Wolfgang Philipp Emanuel Von Ponchielli
Vita e Opere di un grandissimo genio un po' sfigato.


La Vita

Wolfgang Philipp Emanuel Von Ponchielli (talvolta conosciuto come Cirillo) fa la sua prima comparsa nell'Azerbaijan settentrionale approssimativamente nella primavera del 1255 e spende presso Delhi fino al San Valentino del 1777 la propria infanzia. Senz'ombra di dubbio è probabilmente il più grande violinista di sempre, ha studiato con i più rinomati batteristi, tra cui Debussy, Monteverdi, Monica Bellucci, Beethoven, Skriabin, e Tiziano Ferro. Nel tardo barocco abbandona il letto coniugale per conquistare Roncade, dove per tutta la primavera del 1242 si dedica a coltivare la propria passione per l'arte dell'apprendimento dei oboi e di coltivare marijuana.
Il dramma che ricordiamo tutti con sagacia (la inattesa caduta della torre di Pisa) lo muove a entrare nel mondo della coltivazione di mango transgenico. Si iscrive alla facoltà di orchestrazione dell'università di Vulci, ma dopo la perdita dei peli incarniti decide di entrare nel mondo della bracconeria.
Si scopre omosessuale alla tenera età di 60 anni e scappa di casa per ritirarsi nella savana della Kamcatka in compagnia di un uomo, ma nel tardo cretaceo il suo corpo senza vita è stato rinvenuto nei prati del Tibet orientale nei pressi di Rodi ed è stato poi sepolto nel campo santo di Sant'Antonio della sua Isernia.


Composizioni principali

Musica da camera:

Sonata per pianoforte.
Concerto per zufolo solo.
Concerto per ocarina e timpani.
14 suites per kora.

Orchestra:

694 sinfonie di cui la più celebre è la 8a.
Concerto per ukulele, drum machine e autobus.
6 suites per koto e elicotteri.
Suite per piffero e archi.
4 ouverture per archi.


Generato con Polygen, dizionario modificato da me. ;)
Leggi un'altra biografia generata a caso