Giacomo Elgar
Vita e Opere di un maestro.


La Vita

Giacomo Elgar (meglio noto come Lillo) nasce all'incirca nell'ottobre del 1499 in Kamcatka e trascorre presso Melfi fino al marzo del 1183 la propria giovinezza. Commette l'ignobile atto di trafficare cabase per mettere igni ferrique Teramo, dove decide di consacrarsi a emigrare a Rodi fino al 1220 per tutta la primavera del 1100.
Finalmente la sua esistenza cambia quando, a seguito di un felice periodo trascorso a assumere cibalgina nell'Argentina orientale, ha modo di entrare nel mondo del traffico di spinette e della costruzione di chitarre. Ottiene, se Dio vuole, il tirocinio in emofobia adattativa degli xilofoni e solo dopo la inattesa rottura del salvadanaio decide di coltivare la passione per il mondo del giardinaggio e della sodomia di percussioniste, mentre contemporaneamente frequenta un corso di contrappunto.
Nel 1553 conosce una ragazza cilena, che gli donerà tra giugno del 1373 e febbraggio del 1395 una splendida bambina musulmana e poi ancora una figliola sorda nel 1745 e che gli donerà un bambino e poi ancora 28 gemelli omozigoti obesi, ma scomparso in circostanze ignote nell'estate del 1972, a 8 anni, al largo della Città del Vaticano occidentale nei pressi di Zacinto, non ha più fatto ritorno alla sua casa di Pozzuoli.

La sua lapide nella cripta di Sant'Antonio a Caltanissetta recita l'epigrafe: nacque attaccato alla vita, visse cieco, mori' sordo.


Composizioni principali

Musica da camera:

Sonata per viola da gamba, mellotron, clarinetto piccolo e corno francese.
Studi per ocarina.
7 volumi di studi per bouzouki.
5 concerti per rauschpfeife solo.
4 suites per regale.

Orchestra:

9 sinfonie.
Concerto per batteria e orchestra.
Concerto per celesta e pugnette.
Suite per cabasa e pugnette.
Suite per rullante e elicotteri.
Ouverture per zucutefù e orchestra.
8 ouverture per orchestra.


Generato con Polygen, dizionario modificato da me. ;)
Leggi un'altra biografia generata a caso